Il Bostrengo è un dolce tipico della tradizione marchigiana che sa esprimere, forse meglio di qualunque altro, la vera essenza della terra in cui nasce. Dietro l’aspetto sobrio e genuino dei dolci semplici di una volta, si nasconde in realtà un mix unico e calibrato di ingredienti sani e sapori intensi e gustosi.

Le origini del Bostrengo sono incerte. Dal nord al sud della regione molti si contendono la paternità di questo prodotto che varia, a seconda della località, nella ricetta e nel nome: burlengo nella zona di Pesaro-Urbino, fustringo in quella dell’ascolano.

La caratteristica che però lo rende riconoscibile è quella di essere un dolce povero, “svuota credenza”, che veniva preparato con gli alimenti della tavola contadina, utilizzando tutto quello che c’era in casa.
Il Bostrengo di Apecchio vanta una ricetta antichissima, rimasta uguale nel corso degli anni e tramandata di generazione in generazione. Questa fedeltà alla tradizione, che è anche sinonimo di un’immutata qualità, gli ha valso un riconoscimento importante come il marchio De.Co. del Comune di Apecchio, che ne testimonia l’eccellenza. Un’eccellenza che si può idealmente racchiudere, e cercare di spiegare, in tre concetti chiave.

Tipicità

Artigianalità

Benessere

Tipicità: un’idea apparentemente semplice in cui s’intrecciano, però, dimensioni e patrimoni culturali complessi che rimandano al territorio, sia come luogo fisico che come culla dell’identità di una comunità. Nel Bostrengo di Apecchio quest’idea si concretizza negli ingredienti: pane raffermo, mele, frutta secca e farina di polenta, tipici della cucina contadina delle campagne del Montefeltro, sono legati insieme dall’acqua purissima del Monte Nerone. Artigianalità: un enorme valore aggiunto, in controtendenza rispetto alla standardizzazione dei sapori e delle produzioni dei giorni nostri. Le materie prime di qualità, il lavoro umano, inteso non solo come manualità antica, ma come passione e amore nel fare le cose, e la modalità di produzione a basso impatto ambientale nei piccoli laboratori locali fanno del Bostrengo di Apecchio un prodotto davvero artigianale. Benessere: al di là del gusto inconfondibile, il Bostrengo di Apecchio si distingue per essere un vero e proprio ricostituente naturale. Gli ingredienti sani e semplici e l’assenza di derivati animali lo rendono adatto a tutti, anche a chi non mangia carne e ha a cuore l’ambiente. Inoltre, la frutta secca, predominante nel dolce, è da sempre un valido alleato di sportivi e amanti delle attività all’aria aperta, essendo una preziosa fonte naturale di energia.

Perfetto anche come snack energetico per sportivi e ragazzi

Il Bostrengo di Apecchio ha ricevuto il prestigioso riconoscimento De.Co. dal suo Comune di appartenenza, che ne ha quindi garantito la qualità degli ingredienti e l’origine del prodotto, avvalorandone così l’eccellenza.
Il Consiglio Comunale di Apecchio ha infatti istituito la Denominazione Comunale di Origine (De.Co) e una commissione di controllo che valuterà l’utilizzo del marchio e lo tutelerà in ogni sede, proprio con lo scopo di enfatizzare le peculiarità produttive locali e i prodotti agroalimentari e alogastronomici della zona.
Il marchio De.Co. è stato concepito, oltre che come certificazione di qualità dei prodotti locali, soprattutto come strumento di promozione dell’immagine del Comune. Oltre a quella di brevetto, la sua funzione principale è quella di vero e proprio strumento di marketing con cui un territorio e un’intera comunità possano da un lato tutelare le proprie produzioni e dall’altro innescare un processo di sviluppo economico integrato ed ecosostenibile.

Bando misura 19.2.6.2 – Aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali finanziato dal GAL Montefeltro Sviluppo nell’ambito del PSR Marche 2014/2020 programmazione Leader.